La mostra dei modellisti nell’eliporto a “porte aperte”

La mostra dei modellisti nell'eliporto a "porte aperte"   Organizzata dal “296 Model Venaria” per l’Anniversario dell’Unità d’Italia e Giornata delle Forze Armate NOVEMBRE 9, 2015 - 5:11PM | BY ADRIANA CESARÒ  
Per la festa del 4 Novembre l’Eliporto di Venaria Reale, in occasione del 97° Anniversario dell’unità nazionale e giornata dedicata alle forze armate, ha aperto le sue porte alla gente. E' stata infatti allestita una mostra nell’hangar del 34° Gruppo Squadroni AVES “TORO”, curata dal personale militare e dal Club Modellistico “296 Model Venaria”.
L’esposizione si estendeva anche all’esterno a ricordo di un evento con l’elicottero AB 205 decorato con la scritta “100 anni di volo italiano alla Venaria Reale”. Non meno importante l’elicottero Agusta Bell AB 206 C1 (da supporto al combattimento) che, dal momento in cui è stato dismesso, è stato preso in cura dai modellisti del “296 Model” che hanno avuto il compito di ricondizionarlo per mantenerlo nell’esposizione permanente esterna.
Appena fuori dall’hangar, due tende militari, una attrezzata per la dimostrazione del “sistema di visione notturna” che tutti gli elicotteri adottano, l’altra allestita con una serie di attrezzature, sia datate che attuali che ogni elicotterista deve avere a disposizione durante una missione.
La mostra, ricca di vari modelli militari di epoche diverse, ha incuriosito grandi e piccoli, con particolari modelli dinamici e statici di aerei, navi, carri armati e autoblindo.
I soci del MD Model di Nichelino hanno presentato alcuni modelli di Jeep militari tedesche ed inglesi in scala 1:6 ed alcuni figurini completi delle divise e correlate dagli equipaggiamenti militari; due modelli di aerei Junkers JU 87 D-3 (Sardegna 1943) e Junkers JU 87 R-2 (Lecce 1940) costruite dal socio Lorenzo Zambelli; un aereo mono posto Macchi 326 K del socio Italo Rocchetti; alcuni diorami ferroviari degli anni 50 e 60 del socio Armando Dalbello.
Esposta anche la teca contenente il diorama di quattro elicotteri AB 205 denominati “poker d’assi”, in quanto, ogni elicottero portava sulla fiancata un “asso” di diverso colore (gli elicotteri hanno prestato servizio in Libano a Naquora dal 2007 al 2008). I modelli sono stati realizzati dalla scuola di modellismo e consegnati, in dono, alla direzione dell’Eliporto lo scorso anno.
La mostra esponeva altri modelli dei soci: Gianpiero Vitali con una serie di elicotteri AB 205 riproduzione di elisoccorso e trasposto truppe operative in scala 1:72; Carlo Martini con modelli di carri armati Merkava Mark IV LIC operativi nella striscia di Gaza; i soci Paolo Cergnar e Angelo Matta con un diorama e serie di carri armati; Renato Martelli ha esposto un siluro lenta corsa della X MAS (anni 1935-45);Gian Battista Ruffino (presidente onorario del 296 Model) ha esposto una baleniera New Bedford del 1860 scala 1:16 e un sciabecco algerino del 1700 (nave pirata) in scala 1:75; il presidente Gennaro Ciotola ha presentato la nave di soccorso “Punta Menor” in scala 1:30. Ammiratissimo il modello dinamico della portaeromobili Giuseppe Garibaldi, auto costruita da Carlo Cretella e riprodotta esattamente come l’originale che portava elicotteri ed aerei con possibilità di decollo verticale. Il modello è in grado di navigare, lanciare i missili, sollevare i ponti e stivare gli elicotteri.
Presente anche una raccolta fotografica dell’archivio storico di Claudio Genta (segretario e consigliere dell’associazione modellisti), donata al Comando dell’Eliporto, che mostra il primo volo del biplano Faccioli del 1909, fino ad arrivare alle attività dei giorni nostri. Durante il pomeriggio, il pubblico ha potuto apprezzare l'attività operativa del reparto, con visita elicotteri, posti in hangar e sul campo di volo. Elicotteri attrezzati per il soccorso e per il supporto al suolo e molte altre attività militari e di aiuto sociale. Interessanti le spiegazioni e la collaborazione dei militari e dei soci che hanno supportato il buon flusso di pubblico.

Autore Adriana Cesarò   Collabora presso il settimanale “Il Risveglio” di Ciriè, dal dicembre 1997, per il quale scrive nella sezione di Venaria Reale, occupandosi di associazioni e cultura. contatti: aa.adriana@libero.it

 

 

I commenti sono chiusi