XIX MOSTRA DI MODELLISMO 2015

volantino XIX MOSTRA DI MODELLISMO 2015

Di Vittorio Billera
 
I modelli del gruppo 296 Model Venaria hanno creato ancora meraviglia  

Venaria Reale - Si è tenuta sabato 10 e domenica 11 Ottobre 2015 la XIX° Mostra di Modellismo Statico e Dinamico, organizzata dal Club Modellistico “296 Model Venaria” presso la loro sede in Via Aldo Picco 24 in collaborazione con le “Associazioni Gemellate”.  
Sabato mattina, alle 9,30, l’inaugurazione con l’alzabandiera, gli onori ai caduti, ed il taglio del nastro tricolore effettuato dal presidente dell’associazione, Gennaro Ciotola e dal sindaco di Venaria Reale, Roberto Falcone.  

Successivamente si è svolta una visita guidata ai vari siti della mostra ed al “Museo del Mare” dell’ANMI-Venaria Reale.  
All’interno della mostra sono stati esposti 304 modelli da 76 espositori che hanno ricevuto un riscontro più che positivo dal numeroso pubblico, giunto anche da Asti, Novara, Nichelino, Carmagnola, Chivasso oltre ai molti Venariesi.  

Dichiara a riguardo il sindaco della Città di Venaria Reale, Roberto Falcone:  «In questa mostra sono esposti dei capolavori dal punto di vista tecnico, che rappresentano a pieno le numerose ore dedicate ad ogni singolo pezzo. Invito i cittadini ad unirsi ai corsi organizzati dall’associazione “296 Model Venaria”».  

Non sono mancate le consuete dimostrazioni  dinamiche di modelli navali con radiocomando nella Vasca Prova che è la più grande dell’area metropolitana, e le dimostrazioni dinamiche di modelli con radiocomando di mezzi da terra.  
Il presidente Ciotola, facendo il bilancio più che positivo di questa edizione della Mostra, ha evidenziato la bellezza di alcuni pezzi esposti.
Nel tardo pomeriggio della domenica, la premiazione ai partecipanti ha chiuso la manifestazione.  

Info
: www.296modelvenaria.it

 

13/10/2015 Adriana Cesarò - Giornalista
 
   
 
TUTTE LE NOVITÀ DELLA XIX MOSTRA DI MODELLISMO DEL CLUB “296 MODEL VENARIA”  
 
Oltre 300 modelli che hanno impegnato circa 80 modellisti  
 

I nuovi modelli presentati alla XIX Mostra di Modellismo, hanno arricchito il percorso espositivo delle sedi sociali “Associazioni Gemellate” e del Club Modellistico “296 Model Venaria”, organizzatore della Mostra. Sabato 10 e domenica 11 ottobre, in via Aldo Picco 24 a Venaria Reale, due giorni in visita con oltre 300 modelli che hanno impegnato circa 80 modellisti provenienti, anche, da altre associazioni modellistiche. Sabato 10 ottobre, taglio del nastro in presenza del sindaco Roberto Falcone e, visita guidata a cura del presidente Gennaro Ciotola. Successo di pubblico e di divertimento con i modelli dinamici con navi in vasca e spettacolari virate di alcuni velieri. Non sono mancate le spericolate esibizioni di carri armati, autocarri, moto ed autovettura, sulla pista in terra battuta.
Presso la sede del Club 296 Model Venaria, sono stati allestite tre postazioni per ospitare tre modelli ferroviari dinamici con locomotive d'epoca, immancabile attrazione dei visitatori più piccoli. Moltissimi i nuovi modelli di diorama, presentati dal gruppo modellistico Michelin Sport Club, tra cui, la riproduzione di una risaia piemontese degli anni 20 e un modello di FIAT 1100 Musone in scala 1:43 con effetto ruggine, una lavorazione che ha richiesto tanto lavoro per il modellista Augusto Daniele Manfredi. Nella sede, esposte anche una serie di figurini che rappresentano alcuni militari della II Guerra Mondiale e della Guerra del Golfo, realizzati con una minuziosa realtà degli equipaggiamenti. Interessanti alcuni figurini che rappresentano un gruppo di Minotauro e alcuni busti giapponesi come la raffigurazione della principessa Tomoe Gozen del secolo 1180 che, hanno avuto un premio di riconoscimento ai Campionati Mondiali di Figurini, svoltosi a Saint Vincent. Motivo di orgoglio del modellista e socio Francesco Marchese.
Presso la sede dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia, tra la vasta gamma di aerei e navi in mostra, spiccavano due particolari modelli realizzati dal modellista Roberto Lattini: una zattera di papiro, costruita con canne di papiro e legate a forma di barca; una delle imbarcazioni primordiali più diffusa, che nel tempo sono state costrite con differenti tipi di canne dai “fassoi” dello stagno di Cabras in Sardegna, alle “balsas” canne palustre del lago Titicaca. Altro nuovo modello costruito da Roberto Lattini, un catamarano a vela di tipo Perina-Maram, tipica costruzione cinese realizzata con quattro tronchi svasati a due dimensioni differenti, più lunghi al centro e corti ai lati, e due false prore e tronca in poppa.
Il percorso della mostra portava alla sede del CAI – Sezione di Venaria con altre novità, un diorama che rappresenta il Santuario di Santa Maria di Point Canavese, sito nel Parco Nazionale del Grand Paradiso, realizzato dal socio Giuseppe Visone. Il maestoso Forte Carlo Felice (Isola Maddalena 1806/1807) in scala 1:32 è stato realizzato con pietre in granito, uguale all'originale. Tutte le parti in pietra sono state colorate con polvere di granito autoprodotta dal modellista Carola Giosue. Angelo Matta realizzatore dell'elicottero EH101 ha arricchito il modello con altri tre pezzi: un siluro, trolley e una unità ausiliare.
Nella sede dell'Associazione Nazionale Carabinieri, una vasta gamma di figurini e auto di Formula Uno hanno attratto i visitatori, in particolare il diorama realizzato dal socio Francesco Marchese che ha riprodotto un pit stop Ferrari in cui, ogni figurino è stato realizzato esattamente nella stesso ruolo e posizione, durante il Gran Premio della Malesia del 2007. Il diorama è stato realizzato attraverso una foto d'epoca. Carlo Rionda (Associazione Manta) ha presentato il modellismo con la carta, una serie di meravigliosi uccelli realizzati con la tecnica “Paper-craft”, disegni fotocopiati, ritagliati e assemblati con colla vinilica, tinte acriliche e materiali di ambientazione naturale. Molti gli uccelli in mostra appartenenti alla Avifauna Alpina del Piemonte e Valle d'Aosta ma anche delle Americhe. Ultime realizzazioni: nido di Fringuello, Cardellino in volo, Cardinal della Virginia, Bluebird, Diamante mandarino dell'Australia e molti altri. Nella sede della Protezione Civile “Le Aquile” spiccava tra molti altri modelli, una moto a scoppio Honda Repsol in scala 1:10, guidata dal pilota Enzo Gibernauda, radiocomandata, realizzata in ogni particolare dal socio Angelo Peluso.
Vedere altre foto negli allegati

12096384_10206518541113849_5799618446932889826_n

12107716_10205270007133772_5966265361593373536_n

12112376_10206509314323185_6211180299093683074_n

12122638_10205270003573683_1198602764770292119_n

1896865_10205270005293726_4480511517103753359_n

1472076_1648077698782746_1921433069069621200_n

d3e426e4a14a187cfa39d3b20e52c225 (1)

12096381_10205270007813789_3437001451659893473_n

183d959082918d63bce10924aab8f937

I commenti sono chiusi